Informativa

Top
Image Alt

Progetto casa arredo

  /  Arredo   /  Cucina/sala da pranzo   /  Come risparmiare energia in cucina?
Risparmiare energia in cucina

Come risparmiare energia in cucina?

Risparmiare energia in cucina è possibile adoperando scelte consapevoli

Oggi vorremmo trattare un argomento molto discusso, ovvero come sia possibile risparmiare energia in cucina. Quali sono le scelte che dovremmo operare per ottimizzare i costi? La cucina è sicuramente uno degli ambienti della casa in cui trascorriamo maggior tempo. Tuttavia, ha un costo ben preciso e non possiamo negarlo. Dal frigo agli elettrodomestici, dobbiamo prestare attenzione ad alcune cose, come la classe di efficienza energetica. Ecco alcuni preziosi consigli su come prevenire gli sprechi e non ricevere bollette troppo salate.

risparmiare-energia-cucina-di-legno

Selezionare gli elettrodomestici: cosa sapere sulla classe

Due sono gli aspetti che influiscono maggiormente, ovvero l’energia elettrica e il gas. Purtroppo, questi aspetti gravano sul bilancio familiare, soprattutto se non operiamo le scelte migliori. Dunque, è indispensabile avere una panoramica completa sul frigo da scegliere, gli elettrodomestici di classe A+++ e sul piano di cottura.

  • La scelta degli elettrodomestici: ogni elettrodomestico ha una classe di efficienza energetica. Più è alta la classe, maggiore sarà il risparmio energetico su cui potremo fare affidamento. Ne consegue che è indispensabile saper scegliere: ad esempio, la lavastoviglie o il forno devono essere di classe A+ per garantire un certo risparmio dal punto di vista dell’energia elettrica.
  • Il frigo giusto: scegliere il frigo giusto è altrettanto importante. Prima di tutto, non conta in questo caso solo la classe, bensì anche il consumo che ne facciamo. Ottimizzare i consumi significa anche calcolare le dimensioni: ad esempio, un frigo troppo piccolo e pieno di alimenti, non funzionerà a dovere. Dobbiamo, dunque, scegliere la dimensione perfetta sulla base del nucleo familiare. Teniamo anche a mente di non inserire mai gli alimenti ancora fumanti in frigo e di installarlo il più lontano possibile dalla fonte di calore. Anche la distribuzione del cibo nel congelatore deve essere fatta secondo criterio.

Piano a induzione o a gas? Analizziamo la convenienza

Il fornello a gas conviene maggiormente rispetto a piano di cottura a induzione? Assolutamente sì. Dobbiamo considerare alcuni aspetti essenziali: il piano a induzione richiede un dispendio di energia elettrica notevole. Non solo: ha bisogno di una rete elettrica di elevata potenza. Per quanto riguarda il piano di cottura a gas, non sempre rappresenta la scelta più economica, soprattutto se non operiamo alcuni accorgimenti durante la cottura delle pietanze. Il primo consiglio che possiamo darvi è di utilizzare sempre i coperchi e pentole abbastanza grandi da ricoprire il bruciatore.

Post a Comment

cinque × due =